La parola “sicurezza” deriva dall’espressione latina sine cura, che significa “senza preoccupazione”; indica, pertanto, una sensazione di serenità, avvertibile quando il contesto in cui si vive, si opera, è strutturato in modo tale da limitare al massimo, se non eliminare, rischi e pericoli.
La nostra Costituzione, all’art. 32, impegna la Repubblica a tutelare la salute come fondamentale diritto del singolo ed interesse per l’intera comunità.
I Codici penale e civili, a loro volta, fissano come obbligo per ogni datore di lavoro la tutela della persona fisica e della personalità morale dei propri lavoratoti.
La prima legge specifica  in materia di sicurezza nei posti di lavoro risale al lontano 1955; da allora, lo sforzo del Legislatore è stato indirizzato alla diffusione di una cultura della sicurezza che permeasse tutti i luoghi in cui si svolge un’attività lavorativa.
L’art. 2 del  Decreto legislativo n.81 del 9 aprile 2008, noto come Testo unico sulla salute e la sicurezza sul lavoro, ha rappresentato, per il mondo della Scuola, una tappa fondamentale : definendo come  lavoratore la persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un’attività lavorativa nell’ambito dell’organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, un’arte o una professione, ha equiparato al lavoratore anche l’allievo degli istituti di istruzione. Da quel momento, il mondo della Scuola ha dovuto assumersi, accanto al compito educativo – didattico, quello proprio degli altri ambienti di lavoro : diffondere la cultura della Sicurezza, elaborare regolamenti, organigrammi e procedure, in grado di far sentire sereni tanto il Personale Docente ed Ata quanto gli Studenti e gli Utenti del servizio scolastico. Tale sforzo, culturale ed organizzativo, si è tradotto nella dotazione del documento fondamentale, il Documento valutazione dei rischi ( DVR ) : esso fotografa la struttura e l’organizzazione scolastiche dal punto di vista della Sicurezza, individuando rischi e pericoli nonché le misure atte per la loro eliminazione o riduzione; individua nel Servizio di Prevenzione e Protezione ( SPP ) il nucleo operativo centrale del sistema Sicurezza, formato dal Dirigente Scolastico ( equiparato al Datore di Lavoro, DL ) e dai suoi più stretti collaboratori in materia  : il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione ( RSPP ), il Medico competente ( MC ) e il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza ( RLS ); il SPP, a sua volta, si occupa di formare ed aggiornare costantemente Personale ed Utenti nonché di monitorare con attenzione la tenuta delle procedure definite, in particolare quella riguardante le evacuazioni in caso di emergenza.
A sostegno dei compiti propri del SPP, sono a disposizione altre figure, formate per compiti specifici: gli Addetti al Servizio PP ( ASPP ), gli Addetti al Primo Soccorso, gli Addetti all’anti-incendio, gli Addetti all’uso del defibrillatore, gli Addetti alla somministrazione dei farmaci salva – vita.
Accanto a SPP e Addetti specifici, un ruolo fondamentale per la diffusione della cultura della Sicurezza e per il costante monitoraggio delle condizioni di lavoro è svolto dai Docenti, ai quali la normativa in materia attribuisce il ruolo di preposti, anello fondamentale di collegamento tra gli Utenti del servizio scolastico e le figure dirigenziali.
Non meno importante, infine, risulta essere il compito dei nostri Studenti : la normativa di riferimento, considerando il lavoratore un soggetto attivo,  gli chiede  non solo di rispettare le norme e di utilizzare correttamente gli strumenti necessari al lavoro scolastico, ma anche di segnalare le anomalie e di  collaborare all’attuazione delle misure preventive e protettive.
La prevenzione e la protezione sui luoghi di lavoro esigono l’attenzione costante di ciascun operatore, indipendentemente dallo specifico ruolo ricoperto : la collaborazione tra lavoratori è lo strumento più efficace per creare e mantenere la sensazione di serenità necessaria per svolgere bene i compiti a ciascuno assegnati.

REGOLAMENTI
Sicurezza

Infortuni_e_malori

Osservanza_del_divieto_di_fumo

DISPOSIZIONI GENERALI
Circ. 40/2018_Obiettivo_di_processo_sicurezza – Collaboratori_scolastici

Circ. 41/2018_Obiettivo_di_processo_sicurezza – Docenti

Circ._42/2018 Obiettivo_di_processo_sicurezza – Studenti_e_genitori

SOMMINISTRAZIONE FARMACI IN AMBITO SCOLASTICO
Richiesta di autorizzazione all’auto – somministrazione di farmaci in ambito scolastico

Richiesta di autorizzazione alla somministrazione di farmaco salva – vita in ambito scolastico

PERMANENZA IN ISTITUTO
Richiesta di permanenza all’interno dell’Istituto in orario non curricolare

Richiesta di permanenza alunni maggiorenni

CORSO SICUREZZA CLASSI PRIME
Obiettivo sicurezza_classi_prime

Obiettivo sicurezza: persone e procedure